Che bolle in pentola

La mostra “Che bolle in pentola”, progettata nell’ambito delle Giornate della Scienza promosse dalle scuole in rete, è stata allestita nelle due sedi della scuola dal 17 aprile al 23 aprile 2008 ed è il risultato del lavoro svolto dai ragazzi delle classi seconde durante il laboratorio scientifico a classi aperte, coordinato dalle prof. Dal Cin e Saccardi nella sede centrale e Bettiol e Turra nella sede succursale.

La mostra, nelle due sedi della scuola, è stata visitata da dieci classi di quarta e quinta elementare del V Circolo e da qualche insegnante di altre scuole, interessato a titolo personale.


Si è presa come spunto la scienza in cucina per affrontare, attraverso la realizzazione di esperimenti, l’analisi di fenomeni chimici, fisici e biologici quali:

  • la cromatografia
  • la capillarità
  • l’osmosi
  • la fermentazione (preparazione del pane)
  • la degradazione delle proteine (effetti del calore, degli acidi, degli enzimi nella cottura dell’uovo, nella preparazione del formaggio, nella preparazione della “plastica” e della colla a partire dal latte)
  • acidi, basi e sostanze neutre e misura del pH (ripercorrendo le esperienze svolte nel laboratorio scientifico 2006/2007)
  • analisi dei contenuti di una bibita (zuccheri, presenza di coloranti ed altri additivi…)

Elenco completo degli exhibits presentati nella sede succursale di S. Bona


Anche quest’anno si è confermata la partecipazione entusiastica degli alunni e si è potuto constatare come l’iniziativa risulti efficace non solo nel favorire la comprensione di regole e leggi scientifiche, come riscontrato dai positivi esiti delle verifiche sull’argomento, ma anche e soprattutto per la sua valenza formativa. E’ da sottolineare che anche alcuni tra gli alunni più demotivati nei confronti della scuola si sono impegnati per la buona riuscita della mostra.
Si ritiene sia stata efficace la scelta di programmare le attività di laboratorio scientifico delle classi seconde in funzione della mostra, perché ciò ha permesso di coinvolgere maggiormente gli alunni durante il laboratorio. E’ risultata positiva anche la scelta di posticipare la mostra rispetto agli anni precedenti. (da fine marzo a fine aprile) per favorire la partecipazione degli alunni del secondo turno di laboratorio