Acidi e basi in casa

  • L'attività prende l'avvio dalla richiesta di individuare sostanze acide presenti in casa. I ragazzi associano al termine "acido" il significato di aggressivo, corrosivo, senza operare una distinzione tra acido e base o altre classi di sostanze.
  • Si procede quindi con un'attività sperimentale nella quale si verifica la capacità di una serie di sostanze di corrodere il marmo e, sulla base dei risultati, si opera una prima classificazione e si cerca di stabilire una scala di aggressività.
  • Per introdurre la classe delle basi si propone quindi di mescolare due acidi tra loro ed un acido con una base. Nel caso del mescolamento di due acidi tra loro la miscela ottenuta è ancora aggressiva, mentre nel caso del mescolamento di un acido ed una base l'aggressività della miscela risulta inferiore rispetto a quella dei componenti e può addirittura scomparire del tutto. Viene in particolare studiata la reazione di neutralizzazione

NaOH + HCl ——>NaCl + H2O

  • Si indaga il comportamento di acidi e basi con alcuni metalli.
  • Attraverso l'utilizzo di diversi indicatori naturali, preparati in classe, si puntualizza meglio la classificazione delle sostanze in acide, neutre e basiche e le si ordinano sulla base del pH.
  • Si propongono infine osservazioni sull'uso involontario di indicatori di pH in casa (comportamento di "macchie" di indicatori, come il vino, con saponi e limone).

.Il pH viene così introdotto senza far riferimento alla concentrazione di ioni H+, ma solo attraverso lo studio delle proprietà operative delle sostanze esaminate

Classe: terza media

Tempo indicativo: 13 ore

Insegnante: S.Turra